Lavoro

Incontro Mise su Acc, ennesimo rinvio. Donazzan: "Ora servono risposte"

L'assessore regionale al Lavoro: "Faccio mie le domande poste da sindacati e ribadite dai territoriali di Belluno".

Incontro Mise su Acc, ennesimo rinvio. Donazzan: "Ora servono risposte"
Attualità Belluno, 14 Settembre 2021 ore 08:51

Incontro Mise su situazione ACC di Borgo Valbelluna.

Incontro Mise su Acc, ennesimo rinvio

“Faccio mie le domande poste con chiarezza dai sindacati nazionali e ribadite dai territoriali di Belluno. Domande precise su che tipo di soluzioni si prospettano per ACC da parte del Mise che è responsabile di quest’azienda più di qualsiasi altra azienda, essendo in amministrazione straordinaria, controllata quindi dal Ministero”.

Questo è quanto afferma l’Assessore al Lavoro della Regione del Veneto, Elena Donazzan, al termine dell’incontro che si è svolto ieri, lunedì 13 settembre 2021, presso il Ministero dello sviluppo economico, promosso dalla Viceministro dello sviluppo economico per discutere la situazione aziendali del sito di ACC di Borgo Valbelluna (BL).

LEGGI ANCHE:

Ritrovato il corpo senza vita di Federico Lugato: era scomparso 18 giorni fa

All’incontro hanno partecipato le rappresentanze aziendali, il commissario straordinario di Italia Wanbao ACC, Maurizio Castro, le organizzazioni sindacali nazionali e territoriali, le istituzioni regionali e locali dei territori interessati.

I commenti

Per la Regione del Veneto era presente l’Assessore al lavoro assistita dall’Unità di Crisi Aziendali regionale.

“Si tratta di domande poste da tempo che, purtroppo, oggi hanno visto una richiesta di rinvio da parte del Ministero, presente oggi con i massimi vertici della gestione delle crisi e del Vice Ministro dello sviluppo economico – prosegue l’Assessore -. Nessuna risposta ma la richiesta di avere un’altra settimana di approfondimento è l’esito dell’incontro di oggi”.

‘Mi sarei aspettata, al contrario, – precisa ancora l’Assessore veneto al lavoro - più di una risposta, anzi diverse ipotesi concrete per salvare ACC che, nonostante tutto e tutti, quasi miracolosamente, continua a produrre, senza finanza esterna, grazie al sacrificio dei lavoratori, alla caparbietà del Commissario Castro e alla reputazione di ACC”.

“Ho formulato alcune proposte – conclude l’Assessore al lavoro della Regione del Veneto -, ora mi aspetto che alle domande del sindacato e alle proposte presentate si dia risposta. Non mancano le soluzioni, manca la chiarezza della direzione”.