Attualità
Obiettivo: ottimizzare gli investimenti

Milano Cortina 2026, incontro in regione sulla riqualificazione delle stazioni di Venezia-Mestre e Verona

Il valore degli investimenti previsti per gli interventi di riqualificazione corrispondono a 50 mln di euro per Verona e 75 mln di euro per Mestre

Milano Cortina 2026, incontro in regione sulla riqualificazione delle stazioni di Venezia-Mestre e Verona
Attualità Belluno, 10 Dicembre 2021 ore 16:15

Si è svolto a Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale del Veneto, un incontro convocato dalla Vicepresidente della Regione e Assessore alle Infrastrutture e Trasporti Elisa De Berti con l’obiettivo di realizzare un aggiornamento ed un confronto sui progetti di riqualificazione delle stazioni ferroviarie di Venezia-Mestre e Verona Porta Nuova concepite come nuovi hub di mobilità urbana, anche in prospettiva delle Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di Milano Cortina 2026. All’incontro hanno partecipato i rappresentanti di RFI, della Fondazione Milano Cortina 2026 e quelli dei comuni di Venezia e Verona.

Milano Cortina 2026, incontro in regione sulla riqualificazione delle stazioni di Venezia-Mestre e Verona

Le stazioni ferroviarie di Venezia-Mestre e Verona Porta Nuova rappresentano due snodi fondamentali in vista dell’appuntamento del 2026. In previsione di un afflusso consistente di persone, si dovrà concretizzare un’integrazione di tutte le modalità di trasporto ed un coordinamento per far sì che l’arrivo a Cortina possa realizzarsi con precisione e puntualità – ha affermato la Vicepresidente De Berti – “Venezia-Mestre e Verona hanno un ruolo strategico che prescinde tuttavia dalle Olimpiadi e che si inserisce in un contesto più generale, che impone per Mestre un dimensionamento dello scalo adeguato al numero di utenti notevolmente aumentato negli anni, e per Verona una considerazione di respiro ancora diverso, legata alla realizzazione dell’Alta Velocità”.

“Il valore degli investimenti previsti per gli interventi di riqualificazione corrispondono a 50 mln di euro per Verona e 75 mln di euro per Mestre – prosegue la Vicepresidente – Sono cifre che impongono la definizione di un cronoprogramma che consenta di sfruttare al meglio i tempi e di fare in modo che gli investimenti fatti per il territorio siano valorizzati il più possibile.

In particolare, in entrambi i casi gli interventi prevedono un orizzonte temporale che non necessariamente coincide con quello delle Olimpiadi. Credo sia quindi necessario un coordinamento complessivo tra Regione, Rfi, Fondazione e comuni, che definisca i compiti di ciascuno e che, ipotizzando un’anticipazione o una diversa organizzazione dei lavori, consenta di arrivare preparati all’appuntamento del 2026”, ha concluso la Vicepresidente.

L’incontro si è concluso con la previsione di una serie di riunioni periodiche di aggiornamento che consentano, dopo la presentazione del progetto di fattibilità tecnico-economica, di procedere ad una condivisione con i comuni coinvolti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter