l'appello

Orso immortalato sul Monte Avena, è diverso da quello avvistato a Zoldo e Longarone

Un altro orso di passaggio, questa volta nella zona del Feltrino. La Polizia Provinciale invita a mettere in atto tutte le misure di tutela e prevenzione

Orso immortalato sul Monte Avena, è diverso da quello avvistato a Zoldo e Longarone
Pubblicato:

Un altro orso di passaggio nel Bellunese.

Orso immortalato sul Monte Avena, è diverso da quello avvistato a Zoldo e Longarone

Dopo le incursioni tra Val di Zoldo e Longarone di fine maggio, il plantigrado è stato immortalato da alcune fototrappole installate da appassionati nella zona del Feltrino, alle pendici del Monte Avena. Dalle primissime analisi degli esperti faunisti della Polizia Provinciale si tratta di un altro animale di passaggio, diverso da quello dello Zoldano (che dalle immagini delle fototrappole presentava una macchia bianca sul dorso).

La Polizia Provinciale rivolge un appello agli apicoltori a mettere in atto tutte le misure di tutela e prevenzione. Infatti, l’orso attacca con una certa frequenza gli alveari, in cerca di miele, come mostrano i recenti casi della Val di Zoldo, dove l’animale aveva preso di mira proprio gli apiari. L’invito, quindi, è a provvedere alle azioni di prevenzione, installando dove possibile le recinzioni e a evitare sempre l’abbandono di rifiuti organici.

Inoltre, è utile controllare le aree dove sono collocate le arnie, soprattutto quelle più distanti da strade e centri abitati, per segnalare eventuali attacchi.

Commenti
Roberta De Andreis

Penso che è giusto che gli apicoltori e allevatori prendano le precauzioni necessarie perchè devono imparare a convivere con orsi e lupi e a rispettarli...La prevenzione è importante e loro ne sono responsabili.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali