polizia di stato

Caffè, brioche ma anche cocaina e hashish ai clienti: nei guai il titolare del Bar Loreto

L’attività della Squadra Mobile di Belluno ha portato a cinque indagati. Il barman è accusato di spaccio e agevolazione all’uso di droga

Caffè, brioche ma anche cocaina e hashish ai clienti: nei guai il titolare del Bar Loreto
Pubblicato:

Droga al bar Loreto, in centro a Belluno.

Caffè, brioche ma anche cocaina e hashish ai clienti: nei guai il titolare del Bar Loreto

Proprio oggi, giovedì 4 giugno, la Squadra Mobile di Belluno ha dato esecuzione a un’ordinanza cautelare, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale Ordinario di Belluno su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di 2 soggetti per spaccio di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento dispone l’applicazione della misura cautelare del divieto di dimora nella Provincia di Belluno nei confronti degli indagati D.V.C. e L.M. di 27 e 24 anni. A seguito di indagine effettuata dalla 4^ Sezione della Mobile cominciata nell’estate 2023, D.V.C., titolare e gestore del “Bar Loreto”, in centro città, è ritenuto responsabile dei reati di spaccio e agevolazione all’uso di sostanze stupefacenti.

L’indagato, approfittando della sua professione di barman, si dedicava alla cessione al dettaglio di cocaina, hashish e marijuana verso diversi clienti del locale, in alcuni casi anche minorenni o appena maggiorenni.

Nel corso dell’attività investigativa, effettuata anche con l’ausilio di strumenti tecnologici, sono stati individuati altri due soggetti residenti in provincia di Treviso e tipici frequentatori del Bar Loreto, ritenuti responsabili a loro volta di spaccio al dettaglio di cocaina verso clienti bellunesi. Uno di questi che, oltre a stabilire i contatti con i clienti, effettuava anche cessioni materiali, è stato arrestato in flagranza lo scorso 13 dicembre per la detenzione di 30 grammi di cocaina.

Il secondo, invece, continuava nell’attività di spaccio in provincia, avvalendosi, nell’ultimo periodo, anche di un altro “cavallo” per le consegne materiali. Il costo delle singole dosi oscillava tra i 10 e i 15 euro per l’hashish e i 70 e i 100 euro per la cocaina. L’attività conta in totale cinque indagati, tutti sottoposti a perquisizione domiciliare.

Nella stessa mattinata, personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale ha sottoposto l’esercizio commerciale “Bar Loreto” a sospensione della licenza per giorni 30 con provvedimento del Questore di Belluno.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali