Appuntamento

"Una Montagna di Libri" festeggerà la ripartenza di Cortina con la 24esima edizione

E' quasi tutto pronto per la nota festa internazionale della letteratura che si svolgerà dal 15 luglio al 29 agosto 2021.

"Una Montagna di Libri" festeggerà la ripartenza di Cortina con la 24esima edizione
Cultura Cortina e Cadore, 02 Luglio 2021 ore 11:02

La più grande estate con gli incontri dei più noti autori sta per cominciare tra le Dolomiti.

"Una Montagna di Libri" festeggerà la ripartenza di Cortina

Con la 24esima edizione, "Una Montagna di Libri" è pronta ad aprire la stagione di Cortina d’Ampezzo. E' quasi tutto pronto per la nota festa internazionale della letteratura che nel 2021 compie 12 anni e 24 edizioni, che si svolgerà dal 15 luglio al 29 agosto 2021. La nuova edizione è stata presentata in diretta streaming ieri, giovedì 1 luglio 2021 e, il sindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina ha affermato:

“E’ un piacere tornare per questa presentazione della Montagna dei Libri, ci siete mancati tutti abbiamo trascorso un anno difficile. Cortina c’è stata sia per l’estate scorsa che per la stagione invernale dove abbiamo portato a casa un bel mondiale di sci, Cortina però vuole anche essere protagonista nella cultura. Sarà un’estate che raccoglierà una serie di eventi, inizierà anche a metà luglio la rassegna teatrale con una serie di eventi legati anche alla musica. Un grazie alla Regione del Veneto che ci accompagna a una serie di eventi che riusciamo a portare a Cortina, come per esempio le olimpiadi”.

Cristiano Corazzari, assessore Regionale con delega alla Cultura ha affermato:

“E’ una rassegna irrinunciabile, un appuntamento atteso a Cortina da tutto il mondo della letteratura, un vero punto di riferimento. E’ un’iniziativa che perdura per anni e per noi rappresenta un progetto specifico dove andiamo a promuovere gli autori e i libri veneti. Sarà un momento di crescita culturale ma anche di identità”.

Il Governatore Luca Zaia, che non poteva essere presente ha però mandato un proprio messaggio:

Esprimo un plauso per una manifestazione che si è consolidata nel tempo e che è diventata un appuntamento tradizionale che arricchisce, con la sua programmazione, l’offerta culturale della Regione. Mai come ora abbiamo bisogno di riprendere le attività culturali che promuovono il territorio dopo quello che abbiamo vissuto durante la pandemia. Questa kermesse è l’occasione per ascoltare dal vivo gli autori, assistere agli eventi che sempre hanno fatto di Montagna di Libri un volano per uno degli otto siti dell’umanità Unesco”.