Emergenza lupi

Lupi, l’assessore Pan: “Il Governo si prenda le sue responsabilità”

"La Regione fa la sua parte tutelando gli allevatori con ogni mezzo"

Lupi, l’assessore Pan: “Il Governo si prenda le sue responsabilità”
Belluno, 09 Aprile 2020 ore 11:13

“Chi deve assumersi la responsabilità della mancata gestione del lupo è il Governo, non la Regione”. E’ secca la replica dell’assessore regionale all’agricoltura e alla caccia, Giuseppe Pan, alle osservazioni mosse dagli esponenti del Pd bellunese sulle predazioni  in Alpago e sulla ‘mancata gestione del fenomeno’.

Emergenza lupi, le parole dell’assessore Pan

“Stupisce e rammarica, ancora una volta, la disinformazione ad opera di chi ha ricoperto e ricopre anche importanti incarichi governativi e istituzionali – prosegue l’assessore – e sembra dimenticare che il lupo è specie protetta dalle leggi nazionali ed europee e che da anni le Regioni, e in particolare quelle dell’arco alpino, attendono che il Governo approvi il Piano nazionale di gestione del lupo.  Un piano, che nonostante il lavoro di monitoraggio, sperimentazione e proposta svolto dalle Regioni, il ministro per l’Ambiente Sergio Costa continua a tenere nel cassetto”.

Indennizzi aumentati di 10 volte

“La Regione Veneto, per parte propria – ricorda Pan- ha aumentato di dieci volte i fondi per gli indennizzi dal 2016 ad oggi, ha velocizzato le pratiche di rimborso  riducendo i tempi a meno di 120 giorni e ha investito oltre un milione di euro, attingendo anche ai fondi europei, per aiutare malghe e aziende a dotarsi di tutti i possibili dispositivi di prevenzione. Ha inoltre coinvolto tutti gli enti e i soggetti in causa per coordinare al meglio gli interventi, chiedendo il supporto anche del mondo universitario. Ma non può andare oltre le proprie competenze”.

“Viceversa, il governo si è fatto latitante – prosegue Pan – Il ministro Costa ha sinora evitato persino di rispondere alle molteplici lettere e richieste di incontro che gli ho inviato. Se, quindi, gli esponenti del Pd bellunese hanno conservato qualche contatto diretto con i loro esponenti di governo, ricordino a chi sta nella stanza dei bottoni le preoccupazioni degli allevatori, i rischi di spopolamento della montagna e l’imbarazzante silenzio dello Stato su un problema che, se non gestito, anno dopo anno causerà danni sempre più onerosi e ferite sempre più profonde alla già fragile economia delle ‘terre alte’”.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità