Glocal news
Richiamo alimentare

Attenzione alla formaggella bergamasca a rischio lysteria

Batterio nocivo in un lotto di Stracchino Colli di San Fermo. Non consumare il prodotto e restituirlo, se possibile, al produttore.

Attenzione alla formaggella bergamasca a rischio lysteria
Glocal news 26 Febbraio 2021 ore 09:19

Tra i richiami alimentari effettuati dal Ministero della Salute questa settimana c’è anche un formaggio bergamasco: lo Stracchino Colli di san Fermo (formaggio a latte crudo) dell’Azienda Agricola e Agriturismo Sant’Antonio, Grone.

Attenzione alla formaggella, batterio nocivo in un lotto

Da Prima Bergamo

Come se non bastasse, oltre al Covid ora si deve pure fare i conti con il batterio Listeria monocytogenes. E' stato il Ministero della Salute, infatti, a emettere un richiamo alimentare per un prodotto in vendita. Si tratta delle formaggelle non preimballate, a peso variabile. In uno dei lotti è stata trovata traccia del batterio che provoca un'infezione.

Si raccomanda di non consumare il prodotto e restituirlo, se possibile, al produttore. Il formaggio è commercializzato al dettaglio presso l’azienda di trasformazione latte, presso mercati, spacci e rivenditori.

Cosa provoca il batterio

L’infezione da listeria, anche detta listeriosi, è una tossinfezione alimentare che prende il nome dal batterio che ne è la causa, il Listeria monocytogenes appunto. Questo batterio si trova comunemente nel terreno e nell’acqua e può quindi facilmente contaminare ortaggi e verdure. Molti animali possono venire infettati dal batterio senza dimostrare sintomi apparenti.

I sintomi dell’infezione da listeria sono simili a quelli di altre malattie provocate da alimenti contaminati: febbre; nausea; diarrea; dolori muscolari. Emicranie, confusione, irrigidimento del collo e perdita dell’equilibrio sono invece i sintomi della listeriosi quando si diffonde al sistema nervoso.