Menu
Cerca
Azione corale

Confartigianato Imprese Veneto, l’appello: “Fateci ripartire, tensione sociale crescente”

Lettere ai Prefetti per chiedere che si facciano portavoce del malcontento. E dalle imprese del benessere parte la Campagna #Dateciunfuturo.

Confartigianato Imprese Veneto, l’appello: “Fateci ripartire, tensione sociale crescente”
Glocal news 01 Maggio 2020 ore 09:25

I sette presidenti delle Confartigianato Provinciali del Veneto hanno scritto ai Prefetti della Regione.

Bonomo: “Azione corale”

I sette presidenti delle Confartigianato Provinciali del Veneto Claudia Scarzanella di Confartigianato Imprese Belluno, Roberto Boschetto di Confartigianato Imprese Padova, Marco Campion di Confartigianato Polesine, Vendemiano Sartor di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, Salvatore Mazzocca di Confartigianato Imprese Citta Metropolitana di Venezia, Roberto Iraci Sareri di Confartigianato Imprese Verona, ed Agostino Bonomo in qualità sia di Presidente Confartigianato Imprese Veneto e di Confartigianato Imprese Vicenza, hanno scritto ai Prefetti del Veneto al fine di evidenziare il problema della crescente tensione sociale alimentata dalla diffusa percezione tra le migliaia di soci che fermo restando la priorità inderogabile di protezione della salute non si stiano adottando le scelte più idonee a limitare il drammatico danno economico che il Paese le imprese e singoli artigiani stanno subendo. Il sistema Confartigianato del Veneto in modo corale chiede ai Prefetti nel loro fondamentale ruolo di rappresentanti del Governo nel territorio di farsi portatori di questo appello ed intervenire con la massima urgenza affinché il Governo adotti i provvedimenti adeguati.

L’appello

“Abbiamo finora arginato la tensione portando avanti la prospettiva prioritaria della salute con la consapevolezza che questo rappresenta un interesse generale e superiore – afferma Agostino Bonomo -. Ad oggi, ad oltre due mesi dall’inizio del blocco delle attività, abbiamo ben chiaro tutti che con il virus dobbiamo convivere e sappiamo anche che questo richiede misure adeguate in termini di sicurezza. Ci siamo impegnati perché venissero predisposti i necessari protocolli e ci stiamo adoperando per la loro diffusione e applicazione. Ma ad oggi questo non è più sufficiente. A fronte del DPCM del 26 aprile l’intensità con la quale i nostri soci ci esternano le loro preoccupazioni è aumentata in maniera significativa, stante l’ulteriore rinvio della generalizzata operatività, in virtù delle perdite in termini di fatturato, di concorrenzialità nei mercati, di posizionamento nelle filiere”.

E ancora:

“Dal nostro osservatorio privilegiato frutto del contatto quotidiano con decine di migliaia di telefonate, mail ed incontri on line con i nostri associali – prosegue – emerge con estrema chiarezza che il prolungarsi dell’incertezza stia creando problemi su diversi fronti che devono assolutamente essere presidiati e per quanto possibile disinnescati: c’è il tema dell’utilizzo illecito degli aiuti di stato, dell’usura e dell’introduzione di capitali illeciti nel tessuto economico (lavaggio di denaro illecito) ed il tema della sicurezza informatica”.

“Ben consapevoli che la battaglia contro il Covid-19 avrà tempi più lunghi del previsto e deve essere affrontata con un controllo accurato del rischio statistico -conclude Bonomo-, chiediamo l’avvio di una fase in cui chi opera in sicurezza lo possa fare immediatamente al fine anche di evitare l’ulteriore aggravarsi delle tensioni economiche e sociali. Analogamente è necessario mettere i cittadini nella condizione di poter circolare purché lo facciano in sicurezza. Le continue deroghe agli stop produttivi e il progressivo rianimarsi spontaneo delle città potrebbero viceversa farci scivolare in una non gestione del rischio di contagio”.

Confartigianato Imprese Veneto, l'appello: "Fateci ripartire, tensioni sociali crescenti"

La Campagna #Dateciunfuturo

Un appello più specifico è stato poi lanciato per la riapertura delle imprese del settore benessere. “Così non è possibile garantire la sopravvivenza delle nostre imprese!”, hanno scritto la Presidente Acconciatori di Confartigianato Imprese Veneto, Tiziana Chiorboli, e la Presidente Estetisti Confartigianto Imprese Veneto, Ferron Valeria Sylvia. Il mancato inserimento del settore dell’acconciatura ed estetica nell’allegato 3 del DPCM dello scorso 26 aprile amplia il già pesante bilancio delle perdite che, per la chiusura prolungata fino al 1° di giugno, viene stimata per la regione Veneto in 130 milioni di euro, il 26,5% del nostro fatturato annuo.

“Per rafforzare l’azione di pressione sul Governo e per ravvivare l’attenzione sulle nostre rivendicazioni, abbiamo ideato questa campagna social. Ma c’è bisogno del tuo aiuto perché diventi virale! Una “rivolta” nel pieno rispetto del distanziamento sociale e delle regole di uscita da casa. Cosa fare per aderire? Condividi e fai condividere, dai tuoi amici e colleghi, la locandina della nostra campagna; stampa una copia e fatti un selfie a casa, davanti al negozio oppure al suo interno, e posta la foto sui social con l’hashtag#Dateciunfuturo”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli