Glocal news
Il bollettino Arpav

Meteo di San Silvestro: Veneto diviso in due

Giornate in prevalenza soleggiate in montagna, in pianura foschie e nebbie saranno in genere estese durante le ore più fredde.

Meteo di San Silvestro: Veneto diviso in due
Glocal news 30 Dicembre 2021 ore 10:57

Per San Silvestro tempo stabile con temperature miti in montagna e nebbie
estese in pianura.

Meteo di San Silvestro: Veneto diviso in due

Un vasto promontorio anticiclonico di origine nord-africana è in fase di espansione dal Mediterraneo centro-occidentale verso nord, e andrà progressivamente rafforzandosi sull’Europa centrale con culmine tra venerdì 31 dicembre 2021 e sabato primo gennaio 2022.

L'avvezione di aria subtropicale in quota apporterà una inconsueta mitezza in alta montagna, con marcato aumento delle temperature – anche di 10-12 gradi a 1500 metri rispetto a martedì 28 - e conseguente innalzamento zero termico, che raggiungerà quote intorno a 3600 metri nel primo giorno del nuovo anno.  Questo riscaldamento determinerà una crescente inversione termica nei fondovalle e in pianura con ristagno di umidità al suolo.

Avremo quindi la regione “divisa in due”, con giornate in prevalenza soleggiate in montagna, salvo passaggi di sottili nubi alte e possibilità di qualche foschia o nebbia nelle ore più fredde in Valbelluna; temperature particolarmente miti in quota e valori massimi che raggiungeranno i 13- 15°C sulle Prealpi.

In pianura foschie e nebbie saranno in genere estese durante le ore più fredde e potranno persistere anche durante le ore centrali, salvo sui settori a ridosso della Pedemontana dove più facilmente tenderanno a dissolversi temporaneamente con il riscaldamento diurno.
Le temperature minime si manterranno superiori allo zero,con valori intorno a 2-4 °C; le massime saranno generalmenteintorno a 6-9°C, con variazioni di giorno in giorno legate alla persistenza o meno delle nebbie.

Da domenica 2 gennaio è previsto un lieve cedimento dell’alta pressione con ingresso in quota di correnti umide e più fresche di origine atlantica: questo determinerà in genere un calo delle temperature in montagna, ma in un contesto di tempo in prevalenza ancora stabile, senza precipitazioni, con cielo poco nuvoloso per passaggio di nubi alte. Sulla pianura saranno ancora probabili foschie e nebbie anche estese nelle ore più fredde, in possibile dissolvimento durante le ore centrali.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter