Pareri opposti

Pasqua, Zaia “sconfessa” Salvini: “Celebrazioni religiose occasione di contagio”

I due leader leghisti parlano due lingue diverse circa la possibilità di riaprire le chiese per la festività.

Pasqua, Zaia “sconfessa” Salvini: “Celebrazioni religiose occasione di contagio”
Belluno, 06 Aprile 2020 ore 10:35

Niente da fare. Non ancora. Anzi a maggior ragione, proprio ora che le cose stanno, seppur poco, migliorando, non è il caso. Anche il governatore del Veneto Luca Zaia contro Matteo Salvini, che ha chiesto di riaprire le chiese per Pasqua (“In un momento come questo c’è bisogno anche di Dio”, ha dichiarato due giorni fa il leader della Lega).

Zaia “sconfessa” Salvini

“Nella letteratura ci sono stati grandi casi di contagio nelle celebrazioni religiose – ha tagliato il presidente della Giunta regionale veneta – L’emergenza non è finita: se ipoteticamente i veneti stasera scendessero nelle piazze, io so già che avrò un’impennata nelle terapie intensive fra una decina di giorni“.

Per i cattolici l’occasione della Pasqua sarebbe stato un buon momento per uscire di casa e per celebrare questa nuova rinascita, la ripartenza dopo il coronavirus. Raccontaci quale sarà la prima cosa bella che farai quando si potrà uscire da quest’incubo.

“Celebrazioni occasione di contagi”

E in effetti i dati sono sempre più confortanti. Le ultime rilevazioni ufficiali parlano di solo 181 contagi in più in tutta la regione, ma soprattutto per la prima volta calano i ricoverati nelle terapie intensive (-2), ma non è finita, perché anche le persone in isolamento domiciliare scendono sotto l’emblematica soglia delle 20mila unità (sono 19987).

Unico dato che ancora non risulta positivo è il numero dei decessi (23) che purtroppo supera ancora quello de guariti (11).

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità