Idee & Consigli

Chi sceglie la nuda proprietà? Un identikit degli investitori

Chi sceglie la nuda proprietà? Un identikit degli investitori
Idee & Consigli 11 Luglio 2022 ore 07:00

La nuda proprietà è una formula che permette di comprare un immobile a un prezzo inferiore rispetto a quello di mercato. Nella maggior parte dei casi i clienti che optano per questa soluzione rientrano nella fascia di età che va dai 45 ai 54 anni, mentre sono molti di meno gli investitori over 65. Di certo il mercato della nuda proprietà è molto vivace, ed è animato in modo particolare da appartamenti e attici. Non mancano, comunque, gli edifici rustici e le ville, per un totale di più di 2mila unità.

Lo scorso anno, 3 compravendite su 4 in questo settore sono state realizzate nel contesto di un investimento a lungo termine. Da qualche tempo a questa parte tale formula ha messo in evidenza un incremento delle richieste, e a febbraio del 2022 si è raggiunto il picco. In Italia sono più di 8mila gli immobili per cui si applica la nuda proprietà; a livello regionale domina la classifica del nostro Paese il Lazio con 1.447 unità, seguito dalla Lombardia a quota 1.424. Sul terzo gradino del podio si colloca il Veneto con 1.122 nude proprietà, mentre la top five è completata dal Piemonte e dall’Emilia Romagna, rispettivamente con 715 e 500 unità.

Se si è interessati a conoscere più da vicino questo tipo di soluzione, si può fare riferimento a Dove.it, che mette a disposizione una guida approfondita dedicata alla nuda proprietà e a tutte le informazioni che è utile sapere prima di sceglierla.

Ma quali sono gli attori coinvolti nelle compravendite di nuda proprietà? In due casi su tre il venditore è un over 65. Vale la pena di ricordare che la nuda proprietà prevede che chi compra acquisisca la proprietà della casa ma non la può usare dal momento che non ne detiene l’usufrutto. I punti di forza che caratterizzano questa opzione sono molteplici: per esempio il fatto che con il trascorrere del tempo il valore della casa è destinato a crescere in quanto diminuisce la durata dell’usufrutto. Inoltre, il prezzo di acquisto iniziale è inferiore rispetto al valore di mercato. Ci sono tante ragioni per cui si può decidere di cimentarsi in una compravendita di questo tipo: per esempio per dare un aiuto ai figli che devono acquistare casa, oppure per ottenere liquidità, o ancora per assecondare specifiche esigenze che riguardano il passare degli anni e l’invecchiamento.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter