Guerra di dati

Veneto, morti sul lavoro in calo secondo Zaia. Cgil tuona: "Il triplo di quanto dice"

Secondo gli Spisal del Veneto, i morti sul lavoro furono 52 nel 2015, mentre nel 2019 sarebbero stati 21. La Cgil cita l'Inail e ribatte: 98 decessi solo nel 2019.

Veneto, morti sul lavoro in calo secondo Zaia. Cgil tuona: "Il triplo di quanto dice"
20 Febbraio 2020 ore 11:25

I dati sono dati, verrebbe da pensare. Invece chi con i dati ci lavora sa che bisogna saperli leggere e intrepretare. In Veneto è guerra di cifre, su un tema tragico come le morti sul lavoro. Da una parte c’è il governatore Zaia che, citando lo Spisal – il Servizio Prevenzione, Igiene e Sicurezza negli ambienti di lavoro, che fa riferimento alle strutture sanitarie del Veneto – sostiene che le vittime si sarebbero ridotte di un terzo, dal 2015 al 2019. Di parere opposto la Cgil che – citando l’Inail – sostiene che le morti si sarebbero invece triplicate.

Morti sul lavoro in Veneto: è guerra di cifre

Durante un incontro tenutosi in Regione Veneto presieduto dal governatore Luca Zaia, con gli assessori al Lavoro e alla Sanità, che ha commentato che grazie al lavoro svolto negli ultimi venti mesi potenziare gli organici degli Spisal, si registra che il trend delle morti in azienda o nei cantieri è negativo. Ritengo che il Veneto sia la regione che maggiormente si è impegnata per ridurre la piaga delle ‘morti bianche’, del lavoro nero e del caporalato”. Non si è fatta attendere la replica di Christian Ferrari, segretario generale della Cgil in Veneto che ritiene “fuori luogo il trionfalismo” di Zaia, in quanto i morti sarebbero il triplo di quanto dice la Regione.

Spisal vs Inail

Secondo gli Spisal del Veneto, i morti sul lavoro furono 52 nel 2015, mentre nel 2019 sarebbero stati 21. La Cgil sottolinea invece che, se si considerano anche quelli in itinere si arriva a 98 decessi nel 2019. Per incidenti “in itinere” si considerano quelli avvenuti nel percorso che va dal proprio domicilio al luogo di lavoro, cintando fonti Inail che i sindacati invitano a consultare direttamente sul sito ufficiale dell’istituto.
Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei