Leggende metropolitane

Polizia di Stato e Skuola.net contro fake news legate agli esami di Maturità 2020 VIDEO

Un esempio? Un maturando su 4 pensa che non potrà abbassare la mascherina neanche mentre parla di fronte alla commissione.

Belluno, 16 Giugno 2020 ore 10:37

Possibili interpretazioni sbagliate.

La Maturità “ai tempi del Covid-19”

Quest’anno non ci saranno, come in passato, le fughe di notizie legate alle tracce d’esame, come non ci sarà nemmeno la lotta contro l’uso degli smartphone durante le prove. Tutto sarà diverso ma, anche in occasione della Maturità 2020, il pericolo che tra gli studenti si diffondano “fake news” è comunque in agguato. Perché l’esame di Stato di quest’anno, che verrà ricordato come quello svolto “ai tempi del Coronavirus” presta benissimo il fianco a interpretazioni sbagliate. Una maturità la cui veste definitiva è stata ufficializzata solo un mese fa per via delle incertezze legate allo scenario epidemiologico e alle relative misure da adottare. L’esame avrà così una formula del tutto inedita (niente scritti ma solo un colloquio orale, peraltro diverso dal passato). Con, in più, un Protocollo di sicurezza da osservare per svolgere la prova in presenza a scuola. Un lungo elenco di informazioni che i maturandi non hanno ancora pienamente digerito.

Collaborazione tra Polizia e Skuola.net

Proprio questo sarà il tema centrale della tradizionale campagna di sensibilizzazione che la Polizia Postale e delle Comunicazione porta avanti in collaborazione con il portale degli studenti Skuola.net, giunta al tredicesimo anno consecutivo. L’obiettivo di “Maturità al sicuro” è sempre quello di contrastare alla vigilia dell’esame fake news, bufale e leggende metropolitane. Per evitare che i ragazzi non perdano tempo prezioso dietro a notizie fuorvianti. Ma, soprattutto, per tranquillizzarli. Visto che, travolti da un’enorme quantità di consigli (spesso dall’approccio pessimistico) per evitare il contagio da Covid-19, è come se tra gli studenti si sia diffuso una sorta di terrore da orale ‘dal vivo’.

Le fake news, ecco che cosa pensano i maturandi

A confermarlo è l’annuale monitoraggio realizzato da Skuola.net per la Polizia di Stato, su un campione di circa 5.000 studenti del quinto anno delle superiori. Che stavolta si è concentrato proprio sulle norme socio-sanitarie adottate dal ministero dell’Istruzione in base alle indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico. Circa 1 maturando su 4, ad esempio, pensa che sarà costretto ad avere la mascherina ben fissata sul volto per tutta la sua permanenza nell’edificio scolastico, anche durante il colloquio; quando, invece, le Linee Guida concedono allo studente, la possibilità di ‘abbassarla’ per svolgere il colloquio, visto che la disposizione delle postazioni impone il rigido rispetto di un distanziamento di almeno due metri tra i presenti in aula. E il 21% è rassegnato all’idea di doversi presentare a scuola da solo, senza nessuno; mentre il Protocollo non vieta a un accompagnatore (uno soltanto) di assistere all’esame.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità