Protocolli d'intervento

Due Comuni Bellunesi coinvolti nell’esercitazione finale del progetto “Armonia”

Si tratta di un progetto le cui principali finalità sono lo sviluppo di protocolli comuni e strumenti per le sale operative di protezione civile e la definizione di piani coordinati e sistematici per interventi in emergenza.

Due Comuni Bellunesi coinvolti nell’esercitazione finale del progetto “Armonia”
Attualità Belluno, 26 Maggio 2021 ore 16:37

Domani, giovedì 27, e dopodomani venerdì 28 maggio 2021, il Veneto sarà interessato dall’esercitazione finale del progetto “Armonia – Rete di monitoraggio accelerometrico in tempo reale di siti ed edifici in Italia e Austria”.

Due Comuni Bellunesi coinvolti nell’esercitazione

Si tratta di un progetto del programma europeo “Interreg Italia-Austria” le cui principali finalità sono lo sviluppo di protocolli comuni e strumenti per le sale operative di protezione civile e la definizione di piani coordinati e sistematici per interventi in emergenza. L’esercitazione – che riguarderà nello specifico il Veneto e il Friuli Venezia Giulia – prevede la simulazione di un evento sismico con epicentro a Caneva in provincia di Pordenone ma che interesserà anche 24 comuni veneti (2 del Bellunese e 22 del Trevigiano).

L’esercitazione si svolgerà sia tramite l’organizzazione di posti di comando sia con alcune attività locali, prevedendo la convocazione dell’unità di crisi, l’attivazione delle Prefetture, l’istituzione dei Centri Operativi Comunali, comunicazioni con ponti radio e sistemi satellitari, simulazioni di evacuazioni, sopralluoghi per la verifica di idoneità sia di fabbricati sia delle aree di ammassamento funzionali ai soccorsi. Tutte queste attività sono state previste in forma adeguata alle esigenze legate alla pandemia in corso. L’assessore alla Protezione Civile del Veneto, Gianpaolo Bottacin ha spiegato:

“Con questo progetto è stato realizzato un innovativo sistema di monitoraggio del rischio sismico attraverso l’installazione di strumenti specifici su alcuni edifici strategici. Grazie a questi edifici chiamati ‘sentinella’, in seguito ad un terremoto è possibile acquisire in tempo reale tutta una serie di dati riguardanti l’accaduto sul territorio coinvolto, utili a programmare e organizzare rapidi e mirati interventi di emergenza. In particolare per le sale operative, verranno sviluppati strumenti di analisi, come mappe tematiche in tempo reale, in modo da avere un’immediata valutazione della distribuzione di eventuali danni tra Italia ed Austria”.

L’assessore ha concluso:

“Il modello della Protezione Civile veneta è un riferimento di eccellenza e riconosciuto a livello internazionale. L’esperienza maturata è stata una grande spinta al contributo della nostra Regione a questo progetto. Danni a persone e cose non rispettano i confini e negli ultimi decenni è emerso fondamentale che la prevenzione e la gestione dei rischi naturali vadano affrontate con una logica transfrontaliera. Lo sviluppo di protocolli comuni permette la pianificazione congiunta e l’implementazione di azioni armonizzate per accelerare e facilitare le operazioni di salvataggio, aiutando la Protezione civile e i governi regionali a preparare piani per proteggere la popolazione”.

I Comuni coinvolti

Bottacin ha concluso:

“Come la redazione di protocolli comuni esercitazioni congiunte come quella di domani e dopodomani servono a rendere più efficienti e coordinate le rapide azioni di emergenza nelle regioni confinanti. Anche per questo ritengo doveroso un ringraziamento a chi con vario titolo, volontari e istituzioni, si stanno impegnando per il successo di questo progetto internazionale”.

L’esercitazione conclusiva del progetto “Armonia” coinvolgerà i comuni veneti di Sarmede, Cordignano, Cappella Maggiore, Orsago, Godega di Sant’Urbano, Fregona, Colle Umberto, San Fior, Vittorio Veneto, Gaiarine, San Vendemiano, Codognè, Conegliano, Tarzo, Revine Lago, San Pietro di Feletto, Vazzola, Portobuffolè, Mareno di Piave, Fontanelle, Refrontolo, Santa Lucia di Piave in provincia di Treviso e Tambre e Alpago in provincia di Belluno.

Sempre in Veneto sono coinvolte le Prefetture di Treviso e Belluno, la Direzione Protezione Civile e Polizia Locale della Regione, gruppi comunali di Protezione Civile e organizzazioni di volontariato. I soggetti coinvolti a vario titolo in altre regioni e in Austria sono: Prefettura di Pordenone, Vigili del Fuoco, Comuni di Caneva e Sacile, Direzione regionale della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, Istituto nazionale di Oceanografia e Geofisica sperimentale – OGS, le Università di Udine, Trieste e Innsbruck, ZAMG.