Menu
Cerca
Santa Giustina

Trasporto illecito di animali vivi: fermato un furgone con 20 capretti ammassati nella gabbia metallica

L'uomo non aveva con sé alcuna autorizzazione né documentazione relativa al trasporto degli animali.

Trasporto illecito di animali vivi: fermato un furgone con 20 capretti ammassati nella gabbia metallica
Cronaca Belluno, 01 Aprile 2021 ore 12:29

I controlli sul trasporto degli animali vivi effettuati lungo gli assi stradali provinciali da parte della Polizia Stradale di Belluno, hanno consentito di intercettare un trasporto abusivo di capretti, probabilmente destinati alla macellazione o comunque al commercio, considerato anche il periodo delle festività pasquali prossimo a venire.

Trasporto illecito di animali vivi

Una pattuglia dipendente da questa Sezione, durante un servizio di vigilanza dello scorso fine settimana, fermava un sospetto furgone in transito lungo la SS50 intorno alle ore 23 di sabato sera.

Durante il controllo documentale, gli operatori sentivano provenire dal retro del veicolo suoni di lamento, che inevitabilmente attiravano la loro attenzione. Scoprivano, così, tutti ammassati in una gabbia metallica, un totale di venti capretti.

Ricondotti presso il luogo di ritiro

Alla domanda di chiarimenti, il conducente-titolare di una azienda agricola con sede nella Provincia di Trento, dichiarava di averli ritirati e caricati sul furgone presso un locale agricoltore, trasporto che avrebbe avuto come destinazione la sede della sua ditta in Trentino, a oltre 100km di distanza dal luogo del ritiro.

Siccome il fermato non aveva con sé alcuna autorizzazione né documentazione relativa al trasporto degli animali, gli agenti contattavano il Servizio veterinario dell’ULSS di Belluno al fine di fare intervenire sul posto un medico competente che verificasse lo stato di salute e benessere dei capretti trasportati.

Su indicazione del medico veterinario intervenuto, dunque, gli animali venivano cautelativamente ricondotti presso il luogo di ritiro, mentre gli operatori della Stradale contestavano al trasportatore abusivo le sanzioni riguardanti le riscontrate irregolarità documentali e la mancanza delle prescritte autorizzazioni, che ammontano ad un importo complessivo di circa 5.000 euro.
I controlli proseguiranno senza sosta al fine di assicurare che il trasporto di animali vivi avvenga sempre nel rispetto delle prescrizioni a garanzia della salute pubblica, e il benessere e la salute, naturalmente, degli stessi animali.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli